Studio Legale Rieti e Milano - Studio Domeniconi

Sito studio legale in italiano

Sito studio legale in Spagnolo

Avvocato ecclesiastico - matrimonialista - Onorina Domeniconi
contattare lo studio legale domeniconi
Avv. Onorina Domeniconi - P.IVA: 00820710572
Studio Legale RIETI
Via S. Agnese n° 13/E 
02100 Rieti 
Tel e fax +390746 270991



Studio legale TERNI
Studio Romina Pitoni
Via Roma 114,
05100 Terni
Tel 0744 58532 Fax 0744 420028


GRANADA
Agaz Abogados Group International
Almona del Campillo, 3
3° Izda 18009 Granada (Spagna)
Tel. +34 958224341 - 958228931
Fax +34 958221938

Studio Legale MILANO

C/O Blumar Medica
viale Vittorio Veneto, 14
20124 Milano
Tel 02.29412460/461
Aree legali di intervento

RICONOSCIMENTO PATERNITA'
DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITA'

Lo Studio Legale Domeniconi è a vostra disposizione per assistervi nelle pratiche di Dichiarazione giudiziale di paternità

Le prove ematologiche consentono di escludere la paternità ma non di affermarla in positivo. Al fine di accertare in positivo la paternità occorre far ricorso ad altri mezzi di prova, le cosiddette prove biologiche, le prove di istocompatibilità basate sul sistema HDL e quelle del DNA, che, analizzate con metodi statistici, che fanno riferimento alla frequenza di determinati caratteri genetici nella popolazione (cosiddetto teorema di Bayes), consentono di affermare in positivo la paternità, con una probabilità che può giungere al 99,99%.
Anche queste prove sono ad oggi considerate come indagini con dignità probatoria pari a quella di tutti gli altri elementi di giudizio e non più eccezionali. La loro ammissibilità quindi non può essere condizionata all’impossibilità di giungere altrimenti ad un convincimento. Con la sentenza n. 6400/1980 della Corte di Cassazione le stesse si possono dirigere oltre che all’esclusione del rapporto di paternità, anche alla sua affermazione in positivo. La giurisprudenza di merito applica tale principio non esitando ad affermare la paternità quando, sulla base di consulenza tecniche, questa risulti accertata con una probabilità pari al 99,97%. Competente a pronunciare la dichiarazione giudiziale di paternità è il Tribunale Ordinario, se il figlio è maggiorenne; se il figlio è minorenne la competenza spetta al Tribunale dei Minori (L. no. 184 del 1983).

Territorialmente è competente il Tribunale del luogo di residenza del genitore. Legittimato attivo (ossia colui che può proporre l’azione) è il figlio, nei suoi confronti l’azione è imprescrittibile, nel caso di figlio minore può agire, nel suo interesse, il genitore che esercita la potestà (per es. la madre), se il figlio ha invece già compiuto 16 anni occorre il suo consenso. Legittimato passivo (colui che subisce l’azione) è il presunto genitore e, in caso di morte, i suoi eredi. L’azione per il riconoscimento di paternità è ammessa solo quando ricorrano specifiche circostanze tali da farla apparire fondata, tale verifica viene compiuta nel corso del giudizio preliminare di ammissibilità.

Per qualsiasi consulenza o informazione legata al Disconoscimento di Paternità , CI CONTATTI

 

 




Note legali: Le informazioni contenute in questo sito web non costituiscono in alcun caso consiglio legale, e i materiali forniti sono pubblicati a solo scopo informativo. Nulla di quanto fornito pụ essere usato senza il consiglio di un consulente iscritto a un ordine professionale. L'utilizzo delle informazioni presenti nel sito comporta l'implicita accettazione delle presenti note legali.
disclaimer - optimized for MS Internet Explorer :: res 1024x768 pixel © studiodomeniconi.it 2014 - pagina aggiornata al 21/11/2011