Studio legale Onorina Domeniconi
patrocinante davanti ai tribunali ecclesiastici

Nullità del matrimonio religioso
Diventa creditore della tua banca. Scopri come fare!
Separazione civile: separazione consensuale e giudiziale dei coniugi

Lo Studio Legale Domeniconi è a vostra disposizione per assistervi nelle pratiche di separazione civile.

Il ricorso civile per separazione può essere presentato dai coniugi senza l'assistenza di un avvocato. Con o senza la mediazione degli avvocati, l'ordinamento giuridico italiano consente due possibili esiti.

Ricorso per Separazione consensuale:
viene presentato da entrambi i coniugi che hanno già raggiunto un accordo sulle principali condizioni della separazione (affidamento e mantenimento dei figli, assegnazione della casa coniugale, del coniuge che la legge definisce come "più debole e non autosufficiente"). In questo caso viene depositato presso la Cancelleria del tribunale un ricorso congiunto, anche con l'assistenza di un unico legale per entrambi i coniugi.. Dopo circa uno/due mesi viene fissata l'udienza Presidenziale di comparizione dei coniugi, durante la quale dove viene ratificata la separazione secondo il volere già indicato dagli stessi.

Ricorso per separazione giudiziale:
quando non si raggiunge alcun accordo tra i coniugi, uno dei due può prendere l'iniziativa depositando un ricorso per separazione giudiziale che viene poi notificato alla controparte con l'indicazione dell'udienza di comparizione davanti al Presidente del Tribunale. In quell'occasione, sentiti i coniugi separatamente, il Giudice tenta la conciliazione. Se non viene raggiunta la conciliazione, il Tribunale stabilisce i provvedimenti temporanei e provvisori che riguardano in genere i figli, i costi del mantenimento e la casa. L'istruttoria della causa prosegue nella misura in cui si debba provare la colpa di uno dei coniugi per il fallimento dell'unione matrimoniale, oppure si debba accertare la condizione economica di ciascuno dei due, se contestata, per determinare in via definitiva i provvedimenti di natura patrimoniale (assegno di mantenimento, liquidazione una-tantum...). Al termine del giudizio, il Tribunale pronuncerà una sentenza che potrà confermare o modificare i provvedimenti provvisori assunti all'udienza di comparizione dei coniugi. La separazione giudiziale è più lunga e più costosa della separazione consensuale.

Per qualsiasi consulenza o informazione ci contatti.

Nullità del matrimonio religioso
Diventa creditore della tua banca. Scopri come fare!
Separazione civile: separazione consensuale e giudiziale dei coniugi

Lo Studio Legale Domeniconi è a vostra disposizione per assistervi nelle pratiche di separazione civile.

Il ricorso civile per separazione può essere presentato dai coniugi senza l'assistenza di un avvocato. Con o senza la mediazione degli avvocati, l'ordinamento giuridico italiano consente due possibili esiti.

Ricorso per Separazione consensuale:
viene presentato da entrambi i coniugi che hanno già raggiunto un accordo sulle principali condizioni della separazione (affidamento e mantenimento dei figli, assegnazione della casa coniugale, del coniuge che la legge definisce come "più debole e non autosufficiente"). In questo caso viene depositato presso la Cancelleria del tribunale un ricorso congiunto, anche con l'assistenza di un unico legale per entrambi i coniugi.. Dopo circa uno/due mesi viene fissata l'udienza Presidenziale di comparizione dei coniugi, durante la quale dove viene ratificata la separazione secondo il volere già indicato dagli stessi.

Ricorso per separazione giudiziale:
quando non si raggiunge alcun accordo tra i coniugi, uno dei due può prendere l'iniziativa depositando un ricorso per separazione giudiziale che viene poi notificato alla controparte con l'indicazione dell'udienza di comparizione davanti al Presidente del Tribunale. In quell'occasione, sentiti i coniugi separatamente, il Giudice tenta la conciliazione. Se non viene raggiunta la conciliazione, il Tribunale stabilisce i provvedimenti temporanei e provvisori che riguardano in genere i figli, i costi del mantenimento e la casa. L'istruttoria della causa prosegue nella misura in cui si debba provare la colpa di uno dei coniugi per il fallimento dell'unione matrimoniale, oppure si debba accertare la condizione economica di ciascuno dei due, se contestata, per determinare in via definitiva i provvedimenti di natura patrimoniale (assegno di mantenimento, liquidazione una-tantum...). Al termine del giudizio, il Tribunale pronuncerà una sentenza che potrà confermare o modificare i provvedimenti provvisori assunti all'udienza di comparizione dei coniugi. La separazione giudiziale è più lunga e più costosa della separazione consensuale.

Per qualsiasi consulenza o informazione ci contatti.